Winnie Kiiru

Un tempo branchi di elefanti si aggiravano liberi in Africa e in Asia. Nel XX e XXI secolo si verificò una forte diminuzione del numero di questi animali, principalmente a causa del commercio dell’avorio. Oggi ne sopravvivono 400.000 in Africa e 40.000 in Asia. Si stima che ogni anno vengano uccisi 20.000 esemplari per rifornire il mercato illegale dell’avorio. Se la tendenza dovesse essere confermata, gli elefanti sarebbero ben presto estinti.
Il mondo sta prendendo sempre più coscienza del pericolo che minaccia questi animali, tanto che molti paesi hanno distrutto le loro riserve di avorio bruciandole o frantumandole, per evitare che la materia prima venisse immessa nei circuiti commerciali. Alcuni dei maggiori mercati, come la Cina e gli Stati Uniti, hanno chiuso i battenti. Tuttavia, nonostante gli sforzi, circolano ancora grandi quantità di avorio illegale, come testimoniano i frequenti sequestri in Asia. Il problema dell’avorio è che non ci sono abbastanza elefanti selvatici per soddisfare una domanda globale di avorio apparentemente insaziabile.

Winnie Kiiru è una celebre biologa impegnata da vent’anni nella protezione della fauna in Kenya. È una referente locale di Stop Ivory, organizzazione non governativa inglese che opera per la difesa degli elefanti e contro il commercio dell’avorio nell’ambito della Elephant Protection Initiative. È stata rappresentante locale dell’organizzazione inglese Born Free Foundation e ha fatto parte del consiglio di amministrazione del Kenya Wildlife Service.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

ISCRIVITI

Settembre 18 @ 18:30
18:30 — 19:30 (1h)

MAST Auditorium

Talk